onde d'urto
Visite: 151

Le onde d’urto sono un'innovativa terapia usata in campo riabilitativo per trattare patologie ortopediche. Riducono l'infiammazione articolare e tendinea aumentando l'iperemia locale, favorendo l'apporto di nutrienti e il riassorbimento degli edemi. Oltre a stimolare la rigenerazione fisiologica dei tessuti hanno un effetto antalgico immediato dopo il trattamento. È una terapia che evidenzia dei risultati positivi in oltre l'80% dei casi trattati. Affinché il trattamento possa considerarsi efficace è fondamentale una corretta diagnosi da parte del medico e un corretto svolgimento della terapia che deve essere eseguita da personale specializzato. I protocolli terapeutici prevedono generalmente dalle 3 alle 6 sedute a seconda della patologia e della studio di evoluzione della stessa. Eventualmente il ciclo è ripetibile.

Indicazioni

La terapia a onde d'urto è indicata per tutte le infiammazioni tendinee, calcificazioni e contratture muscolari:

Epicondilite
Tendinopatia calcifica del capo lungo del bicipite
Fascite plantare
Spina calcaneare
Sindrome del piriforme

 

Controindicazioni

La terapia ad onde d'urto è controindicata nei seguenti casi:

Pazienti che assumono farmaci anticoagulanti (ad esclusione della cardio-aspirina)
Donne in gravidanza
Pazienti portatori di pace maker
Pazienti affetti da patologie tumorali

 

È dolorosa?

L'onda d'urto è una terapia generalmente dolorosa ma grazie al modulo di trasmissione brevettato da Elettronica Pagani consente un controllo ottimale dell'energia applicata. Questa evoluzione della terapia consente di sviluppare meno energia a livello superficiale (dove la sensazione di dolore è più alta e non terapeuticamente interessante) per trasmettere potenze medio-alte su tessuto muscolare, tendineo e osseo (dove è necessario trasmettere energia). Associata alla Cryo T-Shock terapia risulta essere ancora più sopportabile il trattamento.