terapia occupazionale

Terapia occupazionale in eta' evolutiva

Visite: 816

La terapia occupazionale è una disciplina che ha come scopo finale quello di promuovere una soddisfacente partecipazione sociale. Si rivolge a tutte le persone che sentono il bisogno di essere aiutate e guidate nello sviluppo di nuove abilità e strategie quando si trovano in situazioni di handicap o di disagio.

Nello specifico, la terapia occupazionale per l’età evolutiva si rivolge a bambini, adolescenti e giovani adulti che, per problematiche comportamentali, cognitive e/o fisiche, non riescono a far fronte alle attività che vorrebbero o dovrebbero svolgere nella loro quotidianità.

Per svolgere qualsiasi attività sono fondamentali molteplici abilità e competenze che, a volte, risultano fragili o non abbastanza sviluppate. Pensiamo, ad esempio, ad un’attività che in apparenza potremmo ritenere semplice come quella di lavarsi le mani; se la analizziamo in dettaglio ci renderemo conto che bisogna avere molte abilità, tra cui:
- Conoscere la sequenza logica
Possedere una buona coordinazione occhio-mano
Compiere una adeguata esplorazione dello spazio, per riconoscere e ritovare oggetti e materiali
Mantere l’attenzione su ciò che si sta facendo
Generalizzare l’attività anche al di fuori del contesto abituale (a casa, a scuola, in un ristorante…).

Avere difficoltà in una o più abilità sopra elencate può quindi rendere problematica la quotidianità di chiunque, a maggior ragione se si tratta di un bambino.

Il terapista occupazionale può intervenire per aiutare i bambini nello sviluppo e nel potenziamento di
Coordinazione e destrezza
Pensiero logico, attenzione, memoria
Programmazione, pianificazione ed elaborazione delle informazioni
Competenze visuopercettive
Comprensione e corretta elaborazione degli stimoli sensoriali (per esempio: visivi, uditivi, propriocettivi)
Comprensione e gestione di relazioni sociali (con la famiglia, i pari e le persone presenti nei vari contesti di vita)
Autostima e motivazione
Regolazione dell’impulsività

In particolare, tra le nostre proposte, vi è il metodo SAS, ideato e messo a punto dalla terapista occupazionale, Emmanuelle Rossini. Il metodo SAS© ha come scopo lo sviluppo delle abilità di cognizione sociale. Si integra all’interno di un modello di terapia occupazionale olistico che prende a carico la persona che vive la condizione dell’autismo, la sua famiglia e le sue persone di riferimento.

La terapia occupazionale in età evolutiva interviene attraverso attività significative per il bambino e la sua famiglia nelle seguenti aree:
- Vita quotidiana
Riposo e sonno
Istruzione e scuola
Gioco e tempo libero
Partecipazione sociale

L’approccio utilizzato nella presa in carico è triplice, poiché è centrato
sulla persona, per accompagnarla nella sua evoluzione e nel raggiungimento dei suoi obiettivi
sulla famiglia, per la creazione di un progetto rispettoso dei valori e desideri
sulla comunità, per promuovere l’autodeterminazione e l’inclusione dei soggetti maggiormente vulnerabili.