Patologie della mano (9)

Riabilitazione eseguita da terapista specializzata sulla mano

Presso CSR – San Giuliano Milanese Sud Milano

Donna 56 anni, frattura epifisi distale di radio e ulna polso sinistro in seguito a caduta accidentale in casa (16/12/2018), viene sottoposta ad intervento chirurgico di riduzione e sintesi con placca e viti. Viene mantenuta l’immobilizzazione per 4 settimane, dopo il controllo radiografico mantiene un tutore rigido per protezione e inizia la riabilitazione presso altra struttura. 

DIAGNOSI DI ALGODISTROFIA E ITER RIABILITATIVO MANO

Arriva presso il CSR – CENTRO SPECIALISTICO RIABILITATIVO di San Giuliano Milanese dopo un altro mese, manifestando rigidità in flessione delle dita e range articolare molto limitato. La mano si presenta decisamente gonfia, calda e molto rigida; la paziente riferisce di non riuscire ad utilizzare la mano anche per le più semplici attività quotidiane come vestirsi, lavarsi o cucinare e lamenta intenso dolore sia alla mano che alla spalla, anch’essa rigida. Viene iniziata una cauta mobilizzazione in assenza di dolore, un programma di esercizi anti-edema sospettando una sindrome algodistrofica.

Dopo la visita con il nostro chirurgo della mano dott. Marco Calamita, viene confermato il sospetto di algodistrofia ed impostato quindi un programma riabilitativo su misura, con trattamenti di crioterapia e linfodrenaggio manuale per ridurre l’edema persistente; sedute di magnetoterapia per favorire la rigenerazione dei tessuti; mobilizzazione attiva e passiva per recuperare gradualmente la mobilità articolare di polso, dita e spalla. La paziente viene seguita nel nostro centro inizialmente tre volte a settimana, in seguito ridotte a due.

A distanza di 6 mesi di intenso lavoro la paziente ha recuperato quasi tutta la mobilità in flessione ed estensione di polso e dita e risolto gran parte delle limitazioni presenti, permane tuttavia un importante deficit in supinazione, per questo motivo insieme al paziente l’equipe, chirurgo e terapista, ha deciso per un intervento di mobilizzazione in narcosi e rimozione dei mezzi di sintesi. In seguito all’intervento si prosegue con un programma riabilitativo per il trattamento della cicatrice, esercizi di scorrimento tendineo per evitare aderenze e per recuperare la maggior mobilità possibile.

CONCLUSIONE DEL PERCORSO SPECIALISTICO RIABILITATIVO DI MANO DELLA PAZIENTE

La paziente al termine del programma riabilitativo riesce nuovamente ad utilizzare la sua mano per svolgere qualsiasi attività quotidiana in modo indipendente, ha ricominciato a guidare, a fare yoga, a pelare la frutta, tutte attività diventate molto difficili o quasi impossibili da svolgere.

La paziente è stata trattata dalla Dott.ssa Marina Pugno specializzata in riabilitazione della MANO.

Scopri i profili dei nostri Dottori:

Dott.ssa Marina Pugno

Dott. Calamita Ortopedico specialista di MANO

Venerdì, 14 Giugno 2019 07:57

Frattura di scafoide

Scritto da

Lo scafoide è una delle ossa carpali della mano che si trovano a livello del polso. Frequentemente può andare incontro a una frattura. Di solito riguarda soggetti giovani, in attività sportiva o lavorativa.

Venerdì, 14 Giugno 2019 07:57

lesioni nervose

Scritto da

I nervi sono strutture fragili e delicate, possono essere danneggiati da uno strappo, da un taglio, da uno schiacciamento. Se lesionate, le fibre nervose, perdono la corretta conduzione del segnale, ed è difficile prevedere quale potrà essere l'evoluzione.

Venerdì, 14 Giugno 2019 07:56

MORBO DI DUPUYTREN

Scritto da

Il Morbo di Dupuytren è una patologia determinata da un anormale ispessimento e retrazione del tessuto fibroso che si trova tra la pelle e i tendini del palmo della mano (aponeurosi palmare). É più frequente tra i maschi dopo i 40 anni, spesso è anche bilaterale, solitamente colpisce il 4° e il 5° dito con maggiore frequenza, ha una probabile origine familiare e può recidivare.

Venerdì, 14 Giugno 2019 07:55

ARTRITE REUMATOIDE

Scritto da

L'artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica sistemica autoimmune che colpisce il tessuto connettivo sinoviale. Più frequente nelle donne tra i 35 e i 50 anni, spesso colpisce entrambe le mani.

Venerdì, 14 Giugno 2019 07:53

RIZOARTROSI

Scritto da

É una forma di artrosi che colpisce l'articolazione alla base del pollice, è una degenerazione dell'articolazione trapezio-metacarpale. É una patologia lenta e progressiva, determinata da cause meccaniche. É più frequente nelle donne, dopo i 40 anni, con una tendenza all'aggravamento con il passare dell'età.

Venerdì, 14 Giugno 2019 07:52

DE QUERVAIN

Scritto da

La Sindrome di De Quervain è un'infiammazione che interessa i tendini del pollice del primo compartimento dorsale: abduttore lungo ed estensore breve. Spesso determinata da movimenti prolungati del pollice e dall'uso eccessivo del polso, associata ad alcune attività lavorative e definita anche malattia delle neo mamme per lo sforzo compiuto nel tenere sollevato il bambino.